Architettura Software e Hardware di Wave4U

L’architettura di Wave4u è una rete client/server wireless, rappresentata da parti Software e Hardware.

Dai uno sguardo alla RoadMap.

Il compito di fare da server, fino a questo momento, è delegato a Raspberry.

Sul potente microcomputer può essere installato il WebServer di Wave4U o, in alternativa, qualsiasi software server progettato dall’utente. Raspberry è collegabile alla Ethernet e, pertanto, raggiungibile tramite firewall o router direttamente da Internet.
Raspberry comunica bidirezionalmente, attraverso la RadioShield, con gli altri punti rete/client, rappresentati da Arduino o da altri Raspberry.

La comunicazione radio è consentita da ogni punto, con un massimo di 270.000.000 punti rete.fritz1

Un punto rete è progettato per 3 funzioni in alternativa:

  • sentire sensori
  • fare attuatori
  • sentire e fare sensori+attuatori

Il punto rete che sente comunica, via radio, le informazioni raccolte al server, che le elabora e invia un comando ad un altro punto rete che fa (grazie agli attuatori).

Il server, attraverso il webserver, in cui l’utente crea regole if/then, anche molto complesse, gestisce e controlla la rete: riceve input e, in presenza di determinate condizioni, invia output ai punti rete; mantiene in memoria gli eventi, consentendo il monitoring dei fenomeni.

L’Hardware che permette la creazione della rete client/server di Wave4U è costituito dagli Objects, dispositivi progettati per essere Arduino compatibile e Raspberry compatibile, e a questi due microcontrollori e microcomputer fortemente integrati.
Con gli Objects è possibile costruire applicazioni complesse e fortemente specializzate in pochi passi.

Oltre a questa architettura potente, è possibile anche generare piccoli punti di collegamento basati su ricevitori e trasmettitori di segnali radio (ad esempio, dei moduli RR10 e RT40).
Queste strutture più elementari consentono una comunicazione one-direction. In questo caso, un punto rete è costituito da Arduino+modulo trasmettitore+sensore e l’altro punto da Arduino+ricevitore+attuatore.

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo